Ginecologia e ostetricia a Roma Zona Piazza Vescovio

  •  

Sei qui: Homepage > Emicrania nella Donna

Emicrania nella Donna

L'emicrania rappresenta una delle forme più comuni di cefalea, manifestandosi in almeno il 12% della popolazione generale. Tra chi ne soffre la maggior parte, circa ¾, sono donne.

L'emicrania è una malattia che prevale nel periodo riproduttivo della donna, essa è estremamente sensibile alle variazioni ormonali che occorrono in periodo ovulatorio e mestruale e in corso di gravidanza.
Fino ai dodici anni, bambini e bambine ne soffrono allo stesso modo. Subito dopo la pubertà, però, l'incidenza della malattia sale nel sesso femminile fino a diventare tre volte superiore rispetto a quello maschile. In pratica, l'emicrania non nasce donna, ma diventa donna, fino a colpirne il 18% di esse.

Dopo la menopausa, l'intensità e la frequenza dell'emicrania tendono a ridursi e, talvolta, la malattia scompare del tutto.

E' di fondamentale importanza, quindi, cercare di approfondire le tematiche legate all'emicrania, cercando di affrontarle e considerarle soprattutto dal punto di vista della donna. A titolo esemplificativo, si consideri la valutazione del rapporto rischio/beneficio in caso di assunzione di contraccettivi orali o di terapia sostitutiva ormonale, la gestione della patologia in gravidanza, la gestione delle emicranie mestruali.

Emicrania e periodo fertile
Nelle donne emicraniche, il periodo mestruale è particolarmente rischioso per la comparsa di attacchi di mal di testa. Si parla di emicrania mestruale quando il 90% degli attacchi si concentra intorno al periodo mestruale, più o meno 3-5 giorni rispetto al giorno di inizio flusso.

Le donne con emicrania mestruale lamentano spesso anche la cosiddetta sindrome premestruale, caratterizzata da irritabilità, ansia, ritenzione di liquidi, mal di testa.

Gli attacchi sono causati dal repentino calo degli estrogeni nel periodo mestruale. Le variazioni ormonali agiscono anche sul cervello, modificando gli equilibri di alcuni neurotrasmettitori (ad esempio la serotonina, la dopamina, e la noradrenalina).

Clinicamente possiamo distinguere 2 forme di emicrania mestruale.
Emicrania mestruale pura: gli attacchi compaiono 3-5 giorni prima o dopo il ciclo, con assenza totale di sintomatologia nel periodo intermestruale, o durante il ciclo stesso.
Emicrania correlata alle mestruazioni: gli attacchi compaiono in corrispondenza delle mestruazioni, ma anche in altri momenti. Questa forma è la più diffusa.

Emicrania e contraccettivi orali
L'assunzione della pillola anticoncezionale può influire negativamente sull'emicrania.
Tuttavia, i contraccettivi orali di ultima generazione presentano dosaggi ormonali talmente bassi da non influenzare significativamente l'emicrania.

Nella maggioranza dei casi si hanno lievi variazioni dell'emicrania con tendenza al miglioramento nel tempo. Nella maggior parte dei casi le variazioni relative alla frequenza ed intensità degli attacchi sono relativamente trascurabili, tuttavia circa un quarto delle pazienti riferisce un peggioramento della sintomatologia.

Valutando distintamente le donne affette da emicrania senz'aura da quelle affette da emicrania con aura, ci accorgiamo che sono soprattutto le seconde a peggiorare con l'assunzione degli anticoncezionali orali. E' stato accertato un aumento di rischio di complicanze cerebrovascolari in pazienti affette da emicrania con aura. Bisogna, quindi, tener presente le seguenti considerazioni:
Nella donna con emicrania con aura che assuma contraccettivi orali il rischio di ictus aumenta di 6-8 volte; in caso la paziente fumi, il rischio aumenta di oltre 30 volte. Questo impone al ginecologo di essere molto cauto nel prescrivere la pillola alla donna con emicrania con aura (la quale non dovrà mai fumare).
Nella donna affetta da emicrania senz'aura, sarà da preferire la pillola monofasica, a basso contenuto di estrogeni oppure, se possibile, la pillola di solo progestinico.
La gravidanza è un periodo nella vita della donna in cui l'emicrania migliora e a volte scompare.

Emicrania e gravidanza
Dal terzo mese, quando l' equilibrio ormonale del corpo femminile si è stabilizzato, l'emicrania comincia a migliorare.

La causa principale del miglioramento è che durante la gravidanza scompaiono le variazioni ormonali che caratterizzano il normale ciclo ovulatorio, le concentrazioni di estrogeni si mantengono elevate e costanti per il secondo e terzo trimestre.

Purtroppo la scomparsa è solo temporanea, e questo periodo tregua termina con il puerperio.

Emicrania e menopausa
Durante il periodo della premenopausa si può assistere ad un peggioramento della frequenza ed intensità degli attacchi emicranici. Ciò è dovuto ad una residua produzione di estrogeni che, con i meccanismi prima descritti, contribuiscono al perpetuarsi della sintomatologia. Con il sopraggiungere della menopausa vera e propria, tuttavia, circa i due terzi delle donne ne hanno un miglioramento. Con l'assunzione di una terapia sostitutiva, prescritta al fine di prevenire complicanze derivanti dalla menopausa (ansia, vampate di calore, osteoporosi, depressione, calo del desiderio, secchezza vaginale) si può assistere ad un peggioramento della sintomatologia. La terapia ormonale sostitutiva può quindi peggiorare gli attacchi, soprattutto se la donna è trattata con terapia per os, in quanto maggiori sono le fluttuazioni nelle concentrazioni ormonali. Consigliabile, in tal caso, optare per una somministrazione tramite cerotto, che riesce ad assicurare concentrazioni ormonali più stabili nel corso del tempo.

Considerazioni finali
Lo stile di vita, che oggi è obbligatorio condurre per la donna, la costringe sovente a dover conciliare lavoro e vita familiare. Spesso è proprio quest'ultima a risentirne sfavorevolmente. È dimostrato che la donna frequentemente rinuncia alla vita sociale piuttosto che ai doveri lavorativi, in caso di patologia emicranica. Ciò influisce negativamente anche sulla vita di coppia e familiare.

Uno stile di vita più salutare è certamente di giovamento, l'eccesso di caffè e fumo, come lo stress frenetico lavorativo, i digiuni prolungati, non fanno altro che indurre ulteriori fattori scatenanti per l'attacco. L'uso di contraccettivi anch'esso non raramente favorisce l'insorgenza degli attacchi, per cui bisogna sensibilizzare i ginecologi a prescrivere contraccettivi a basso contenuto di estrogeni, come particolare attenzione va dedicata alla terapia ormonale sostitutiva, se indicata.

NEUR-1074271-0000-UNV-G-02/2015

 


 
Notizie e Consigli Ginecologo Roma
Trial clinico randomizzato sugli effetti del trattamento osteopatico in menopausa

G. Noccioli, N. Noccioli, S. Graziosi, M. Petracca, O. GambardeLLa, F. Dammando
Studio clinico randomizzato su due gruppi di 10 soggetti ciascuno sugli effetti del trattamento osteopatico sui sintomi della menopausa. I risultati dimostrano che il trattamento osteopatico è in grado di migliorare la qualità della vita nelle donne in menopausa, anche nel lungo periodo dalla fine del trattamento.

Vai all' articolo: Trial clinico randomizzato sugli effetti del trattamento osteopatico in menopausa

Aumento di peso in Gravidanza

L'incremento di peso durante la gravidanza può influenzare la salute della donna immediatamente, ma anche nel futuro suo e del suo bambino. I dati demografici sulla popolazione di donne che rimangono incinte si sono modificati drasticamente negli ultimi dieci anni, in particolare nel Nord America e in molti paesi industrializzati.

Vai all' articolo: Aumento di peso in gravidanza

Emicrania nella Donna

L'emicrania rappresenta una delle forme più comuni di cefalea, manifestandosi in almeno il 12% della popolazione generale. Tra chi ne soffre la maggior parte, circa ¾, sono donne. L'emicrania è una malattia che prevale nel periodo riproduttivo della donna, essa è estremamente sensibile alle variazioni ormonali che occorrono in periodo ovulatorio e mestruale e in corso di gravidanza.

Vai all' articolo: Emicrania nella Donna

Patologie Autoimmuni e Sat Terapia

Le malattie autoimmuni sono patologie causate da una alterata risposta del sistema immunitario che non riconosce più come propri (self) i costituenti dell'organismo e reagisce con la produzione di autoanticorpi o con una reazione cellulare contro ciò che ritiene non-self.

Vai all' articolo: Patologie Autoimmuni e Sat terapia

Agenda della gravidanza

La prima visita dovrebbe avvenire idealmente entro la X settimana. La necessità di un incontro precoce in gravidanza è motivata dal fatto che nel corso della prima visita la donna può chiedere ( e in ogni caso le devono essere offerte) numerose informazioni.

Vai all' articolo: Agenda della gravidanza

Casi di patologia osteoarticolare

La SAT terapia, con sieroproteine tessuto specifiche è stata creata dal genio scientifico del Dott. J. Thomas e resa utilizzabile come è oggi dai prolungati e approfonditi studi dell'immunologa Marirosa Binda sua allieva e collaboratrice.

Vai all' articolo: Casi di patologia osteoarticolare

Sindrome premestruale - Sat terapia

La Sindrome Premestruale (SPM) è caratterizzata dalla comparsa, nella seconda metà del ciclo, di sintomi sufficientemente intensi da determinare alterazione delle abitudini di vita o delle relazioni sociali.

Vai all' articolo: Sindrome premestruale - sat terapia

Allattamento: aspetti fisiologici e relazionali

Dopo il parto il bambino è spinto dal suo bisogno di fusionalità a cercare il contatto con la madre attraverso la suzione del seno, istinto erede dell'abilità di succhiarsi il pollice e le mani acquisita durante il periodo in cui era ancora nell'utero materno.

Vai all' articolo: Allattamento gli aspetti fisiologici e relazionali

Sindrome ovaio policistico

La sindrome dell'ovaio policistico (PCOS) costituisce il più comune disturbo endocrino-ginecologico femminile la cui incidenza è stimata intorno al 5-10% delle donne in età giovanile post puberale ed è la causa principale di alterazioni del ciclo mestruale e di anomalie dell'ovulazione.

Vai all' articolo: Sindrome ovaio policistico

Il Tumore al Seno

Care donne che state visitando il sito per puro caso o per scelta, mi piacerebbe iniziare questo articolo in un modo un po' diverso dagli altri, vorrei dire a tutte voi che vi trovate ad affrontare questa o altre difficoltà "…Le anime più forti sono quelle temprate dalla sofferenza. I caratteri più solidi sono cosparsi di cicatrici."
(Kahlil Gibran)

Vai all' articolo: Il Tumore al Seno

Carcinoma Ovarico

Controlli periodici per sconfiggere il carcinoma ovarico. I tumori delle ovaie sono relativamente frequenti, ma nella maggior parte dei casi non si tratta di tumori maligni, bensì di cisti o altre formazioni benigne; un tumore su tre o quattro è invece è natura maligna.

Vai all' articolo: Carcinoma Ovarico

Amenorrea

Il termine amenorrea indica la mancanza di mestruazioni per un periodo maggiore di tre mesi, questa situazione fisiologica in alcuni periodi (l'età pre-puberale, gravidanza, menopausa)può essere il sintomo di un problema.

Vai all' articolo: Amenorrea

Arrivo del menarca

La pubertà inizia con la comparsa dei caratteri sessuali secondari, cioè di quelle caratteristiche fisiche che distinguono i due sessi; in particolare aumento dei peli pubici, sviluppo del seno nella bambina e aumento delle dimensioni dei testicoli, cambio del timbro della voce e crescita della barba nel ragazzo.

Vai all' articolo: Arrivo del menarca

Tecniche di rilassamento per un parto più dolce

A volte può succedere che anche in situazioni più semplici le mamme in procinto di partorire lasciano che il timore di non riuscire a controllare il dolore prenda il sopravvento, e ci si trova a dover intervenire con parto cesareo quando si potrebbe procedere con un parto naturale. Per evitare questo è importante fare tesoro dei consigli che vengono dati durante il corso pre-parto.

Vai all' articolo: Tecniche di rilassamento per un parto più dolce

Omeopatia in Gravidanza

Durante la gravidanza la donna ricerca uno stato di salute generale, evitando il più possibile l'uso di farmaci e rivolgendosi con maggiore enfasi e interesse a terapie alternative che non arrechino danni a sé e al proprio bambino. L'Omeopatia può rappresentare un valido aiuto in molte problematiche che la donna in gravidanza può trovarsi ad affrontare quotidianamente.

Vai all' articolo: Omeopatia in Gravidanza

La SAT-Terapia

La SAT-Terapia (terapia con seroproteine tessuto specifiche) nasce per opera del Dott. Jean Thomas che nel 1931, perfezionando il metodo della terapia d'organo, concepì il suo metodo terapeutico che vede oggi, grazie all'approfondimento e all'azione di perfezionamento della Dott.ssa Marirosa Binda, una strategia terapeutica molto efficace in un numero molto grande di patologie.

Vai all' articolo: La SAT-Terapia

Quando il figlio non arriva - Sterilità e infertilità

La scelta di avere un figlio è da sempre un tappa fondamentale nel lungo processo di crescita e maturazione della personalità adulta dei membri della coppia. Il desiderio genitorialità è il frutto di bisogni e fantasie che però possono scontrarsi con la difficoltà o l'impossibilità di realizzarsi.

Vai all' articolo: Quando il figlio non arriva - Sterilità e infertilità

Ora mangio per due - Alimentazione in gravidanza

L'alimentazione è ormai riconosciuta come la nostra "prima medicina", o per meglio dire la nostra prima fonte di benessere. In gravidanza tale aspetto non va sicuramente sottovalutato, in questo periodo è importante che abbiate delle accortezze nella scelta dei cibi da consumare.

Vai all' articolo: Ora mangio per due - Alimentazione in gravidanza

Il feto ci ascolta

Nel neonato l'udito è molto più sviluppato rispetto alla vista, questo perché fin dagli ultimi mesi di gestazione il feto sente il battito del cuore e il timbro della voce della madre, avverte i rumori più intensi. E' l'esperienza intrauterina che rende il bambino appena nato più sensibile ai suoni, in particolare preferisce quelli ritmici (es. suono carillon) e, come gli adulti è infastidito dai suoni acuti e forti.

Vai all' articolo: Il feto ci ascolta

Endometriosi

L'endometrio è il tessuto di rivestimento della cavità dell'utero, se questo tessuto si localizza e prolifera al di fuori dell'utero si parla di endometriosi. In questa malattia alcune cellule dell'utero arrivano nelle tube, nelle ovaie, nella vagina, ma anche nell'intestino o nella vescica.

Vai all' articolo: Endometriosi

 

Dottor. Giuseppe Noccioli

Specialista in Ginecologia e Ostetricia
Roma

Via Castelfidardo 34
CAP: 00185 Roma
Tel: 06 4281 4211
info@ginecologiaostetricia.it
P.IVA: 07411390581

Social Network

made ,adarte. agenzia di pubblicità powered by ataji realizzazione siti internet